Central Control Oil: Tecno Fluid Service è pronta per le sfide di INDUSTRIA 4.0

 In industria 4.0

La rivoluzione tecnologica che va sotto il nome di Industria 4.0 è realtà. Essa sta innescando nelle imprese un processo di trasformazione ispirato al principio dell’automazione digitale e, cioè, al passaggio da un modello di fabbrica in cui i robot sostituiscono le persone ad un modello in cui le informazioni prodotte nei processi e nei servizi delle imprese sono inviate, raccolte, contestualizzate e condivise in tempo reale.

Secondo Marco Taisch, docente al Politecnico di Milano, l’opportunità derivante da questo nuovo paradigma è quella “di poter fare innovazione passo dopo passo in modo incrementale, sfruttando strumenti come le app da integrare sulle macchine o i servizi cloud per la progettazione o le tecnologie dell’Internet of Things (IoT)”.

Ed è per questo che TFS si propone sul mercato con l’impianto CENTRAL CONTROL OIL.

Il sistema si basa su una comunicazione WI-FI, opportunamente strutturata, tra un SERVER ed un’unità di lettura installato su un apparecchio. Il server quindi rileva, con l’accessorio HYDAC CS1000 e moduli di lettura autonomi denominati “UNIT CRL OIL” equipaggiati con PLC Siemens S7-1200, alcuni parametri di classificazione dell’olio.

Un software sviluppato dai nostri tecnici ne effettua la rilevazione e la memorizzazione. I dati sono consultabili, attraverso l’uso di opportuni filtri, al fine di ottenere una rappresentazione grafica in tempo reale dei valori di lettura.
Le centrali di analisi UNIT CRL OIL, collegate al server centrale con una rete WI-FI, comunicano i dati rilevati, i quali, attraverso il software, vengono processati e memorizzati per essere disponibili sul web utili ad un ulteriore elaborazione.
I dati cosi memorizzati restano comunque a disposizione in un archivio per essere consultati in qualsiasi momento per eseguire valutazioni utili alla programmazione di attività manutentive e controllo di supervisione.
I parametri standard tenuti sotto controllo dall’impianto possono essere:

  • TEMPERATURA OLIO
  • CLASSIFICAZIONE NAS
  • % DI SATURAZIONE H2O (Acqua)
  • % DI CONTAMINAZIONE RISPETTO ALLA CLASSIFICAZIONE DI RIFERIMENTO

È prevista anche una funzione Opzionale “oil leaks” attivabile collegando alle UNIT CRL OIL il sensore di livello HYDAC ENS3000, che, attraverso un particolare algoritmo, verifica la percentuale di perdite di olio. Questo rappresenta un dato che può risultare molto utile per poter gestire il consumo di olio dell’impianto sottoposto a controllo e per poter effettuare una precisa programmazione di attività manutentive finalizzate alla riduzione delle perdite.

Post recenti